Guida alla scelta di una borsa fasciatoio a tracolla. Consigli utili e dettagli dei prodotti migliori per caratteristiche, prezzi e marche

Neomamme e neogenitori si sentono spesso sommersi da una marea di consigli da parte di familiari e amici su cosa e come fare con i bimbi. Alcuni consigli possono essere preziosi. Ma, per evitare di sentirsi disorientati, è bene dare ascolto alle fonti ufficiali per quanto riguarda le cose importanti. Su come organizzarci, diamo ascolto ai nostri bisogni: nessuno conosce le nostre esigenze meglio di noi! E tra le esigenze organizzative c’è anche il come uscire con i nostri piccoli. Una borsa fasciatoio può aiutarci a semplificare le cose. In certe situazioni, la più utile può essere una borsa fasciatoio con tracolla.

Borsa fasciatoio con tracolla: cominciamo a conoscerla

E’ un contenitore concepito appositamente per le uscite con i bambini. Rispetto ad una comune borsa presenta alcuni vantaggi. Il primo è la presenza di un fasciatoio in forma di telino pieghevole, impermeabile e lavabile. Estraibile al bisogno, ci consente di appoggiarlo e cambiare il piccolo su qualunque superficie ed in qualunque momento.

Il secondo vantaggio è lo spazio interno ottimizzato. Grazie a varie tasche, è possibile stivare tutine e pannolini puliti, salviette delicate, fluidi detergenti. Ci sono tasche per tenere le cose sporche separate da ciò che è pulito. Alcune borse hanno tasche termiche per conservare caldo il biberon di latte.

Inoltre, le borse hanno ganci per poterle appendere a carrozzina e passeggino. Alcune hanno manici e tracolla. A noi interessa la borsa fasciatoio con tracolla.

Uscire con il bambino

Usare la carrozzina non è l’unico modo per uscire con nostro figlio. Molti genitori preferiscono fascia e marsupio, con molti vantaggi. Banalmente, il marsupio è più pratico nei negozi, nei mezzi pubblici, nei luoghi affollati. Usare l’auto richiede solo di sistemare il bebè nel seggiolino, senza dover caricare/scaricare anche la carrozzina. Soprattutto, il marsupio è una modalità di riscoprire il legame corporeo. Facilita lo sviluppo motorio e psichico del neonato.

In molte culture è tuttora l’unico modo di portare i neonati. Il babywearing oggi anche in Italia si sta diffondendo, ed esistono appositi corsi per i genitori. Per avere tutto quanto necessario al piccolo, in questo caso è fondamentale che la nostra borsa fasciatoio abbia la tracolla.

Borsa fasciatoio con tracolla: doppio uso

Data la capienza e l’ottimizzazione dello spazio, tale borsa può essere utile anche a noi quando usciamo senza il bimbo. Se lui è al nido o con terze persone, la borsa è perfetta come borsa personale per infilarci di tutto in modo ordinato. Chiavi, cellulare o tablet, portafoglio, piccole spese, pochette: ogni cosa ben visibile e recuperabile con facilità. E con la tracolla abbiamo le mani libere: un vantaggio non indifferente. Se poi usiamo bicicletta o monopattino per i piccoli spostamenti in città, diventa indispensabile.

Come portare la tracolla

Prima di scegliere la nostra borsa, è bene conoscere le modalità corrette di portare una tracolla. La tracolla va portata sulla spalla opposta al lato ove sta la borsa, non sulla stessa spalla. In questo modo, la borsa scarica il proprio peso in una zona più ampia ed evita problemi alla schiena. Portata sullo stesso lato, invece, richiede di contrarre di più i muscoli di spalla e collo per evitare che la borsa scivoli via. Ricordiamo che la borsa fasciatoio, soprattutto quando è piena, è abbastanza pesante.

Borsa fasciatoio con tracolla: le caratteristiche

Tenendo presenti questi accorgimenti, possiamo valutare la nostra borsa. E’ un accessorio molto comune, quasi tutte le borse fasciatoio la offrono. Ma non tutte sono ottimali. La tracolla deve essere larga, per distribuire meglio il peso della borsa. Deve essere imbottita, per offrirci maggiore comfort. Le tracolle troppo sottili e non imbottite concentrano il peso in una zona del corpo ristretta. Inoltre, sono particolarmente fastidiose quando abbiamo abiti leggeri, perché segnano la pelle.

E’ importante che sia regolabile, in base alle nostre esigenze. Soprattutto quando abbiamo il bambino con noi, bisogna avere ciò che può servire a portata di mano. Ciò significa che la borsa deve essere alla giusta altezza, e questo si ottiene con una tracolla sufficientemente regolabile.

Altri aspetti da valutare

Cuciture, rivetti e moschettoni che uniscono la tracolla alla borsa devono essere solidi e di buona fattura: sono una delle parti più sollecitate. Ci possono essere situazioni in cui la tracolla non serve, quindi è meglio che sia staccabile. Così potremo usare la borsa tramite i manici oppure tramite i ganci per passeggino. Talora la tracolla è usata come metodo veloce di aggancio alla carrozzina, magari per percorsi brevi e per velocizzare le manovre. Si tratta di un sistema poco ortodosso, ma depone comunque a favore di una tracolla che deve essere robusta e ben regolabile in lunghezza.

Un’altra avvertenza: manici e tracolla devono essere differenziati. Alcuni modelli di borse fasciatoio hanno una tracolla accorciabile che funge da manico. Per quanto visto, non sono i modelli migliori.

L’ergonomicità della tracolla è l’elemento più importante da valutare

Conclusioni

Se teniamo presenti queste indicazioni, potremo orientarci verso una borsa che coniuga praticità ed ergonomia, rendendo più serene le uscite con il nostro piccolo.

Laura Daveggia è nata nel 1962 a Venezia, città in cui vive. Amante di musica classica, lettura e scrittura, ha pubblicato diversi articoli, sia online che cartacei, e due libri. Per breve periodo ha collaborato con Metropolitan Magazine e Fidelity House. Attualmente collabora con il blog “The Web Coffee” e con la rivista “Profilo Salute”.

Back to top
menu
Migliore Borsa Fasciatoio